Amministrazione Trasparente

Amministrazione Trasparente

Organo Straordinario di Liquidazione

OSL

Calendario eventi

<<  Marzo 2019  >>
 Lun  Mar  Mer  Gio  Ven  Sab  Dom 
      1  2  3
  4  5  6  7  8  910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

...ultime dall'Albo Pretorio

NEWS 07/06/13: Asilo nido nell'area confiscata, sbloccati i lavori

Era balzato alla cronaca nazionale a seguito di una delle tante "irruzioni" delle troupe di "Striscia la Notizia", il tg satirico di un'emittente commerciale, nella quale si puntava l'indice contro l'inspiegabile blocco dei lavori, ancor più perché si trattava di un'area confiscata alla criminalità organizzata con la legge Rognoni La Torre. Ed il rischio aggiuntivo, più che concreto, era che si perdessero anche i finanziamenti stanziati dalla Regione Campania. Ora, finalmente, dopo un lungo braccio di ferro in carta bollata, sono ripresi i lavori per la realizzazione dell'asilo nido nelle adiacenze del piazzale Dalla Chiesa.

Il progetto di realizzazione di un asilo nido risale al 2006 quando, a seguito della confisca di una vasta area compresa tra via Padreterno e via San Rocco, l'amministrazione comunale decise di realizzare un parco giochi con verde attrezzato, un'area di parcheggio ed una strada di collegamento tra i due assi viari. Successivamente, nel 2010, sfruttando uno stanziamento regionale nell'ambito delle politiche di edilizia sociale e scolastica, si puntò anche alla  realizzazione di un asilo nido. Ne fu progettato uno rispondente alle più moderne caratteristiche di funzionalità didattico-educativa, ma quando ormai i lavori - già appaltati per un importo di 375mila euro - si stavano avviando nel concreto con la demolizione di alcuni manufatti preesistenti, si registrò un improvviso stop: i legali del vecchio proprietario infatti, con una procedura irrituale, intimarono la sospensione dei lavori al fine di poter tornare in possesso dei beni confiscati. La conseguenza fu che i lavori furono realmente bloccati. La vicenda fu ripetutamente trattata dai mezzi di informazione fino a quando suscitò ulteriore clamore con la sortita delle telecamere di Striscia la Notizia. In quella occasione, come spesso accade, ci fu anche il preannuncio di un successivo ritorno a Marano della troupe per seguire la vicenda.

Di fatto non ce n'è stato bisogno: infatti, il Commissario straordinario prefetto Gabriella Tramonti aveva già avviato azioni di approfondimento della vicenda, che hanno consentito, dopo la lunga sospensione dell'appalto, di sbloccare l’erogazione del finanziamento e  ridefinire  i rapporti con la ditta aggiudicataria, che nei giorni scorsi ha concretamente ripreso i lavori.